Home » Huna » Ho oponopono: Tecnica

Ho oponopono: Tecnica

perdono

Dopo aver imparato cos’è esattamente l’ho’ponopono e le sue varie versioni, oggi impariamo ad utilizzarlo attraverso un processo che è esattamente come voglio che siano tutti gli strumenti per il miglioramento personali: semplice ed efficace.

Nelle due versioni elaborate che ti presento oggi, l’Ho’ponopono ti aiuterà a guarire da qualsiasi relazione o persona che può darti disagio fisico e mentale. Con una seconda persona che fa da “guida”, il processo è molto più semplice perchè può riuscire ad analizzare tutti i “lati nascosti” del problema (ancora meglio se conosce la PNL per rifinire e il SILVAMIND per farti rilassare)… ma non è detto che tu non possa utilizzarlo da solo su te stesso: non è impossibile farlo ma il processo è più semplice in due.

Ricorda che…

  • Tutto può essere visto come una relazione. (tra mente, corpo, spirito, ambiente, persone, circostanze,..)
  • Considera l’influenza delle circostanze del passato, della relazione presente e le aspettative del futuro. Cambiare una relazione solo da “una parte” risolve l’intera relazione.
  • L’attenzione porta energia all’idea. Focalizzati solo su quello che desideri ottenere, non su quello che non vuoi
  • Il miglior modo per essere felici con qualcuno o qualcosa è riducendo il senso critico ed apprezzare di più le persone e le cose.
  • Quando concludi la procedura non ritornarci sopra (anche se non si risolve subito), lascia che il processo continui su “altri canali”

Il mio Ho’ponopono

Questo è il sistema che preferisco. Prima di iniziare il processo è importante che tu ti rilassi completamente (qualsiasi metodo efficace che conosci va bene); io preferisco chiudere gli occhi… immagina la persona con la quale vuoi risolvere la relazione problematica davanti a te e ripeti mentalmente queste parole..

***

“Se io, TUO NOME, la mia famiglia, parenti, qualcuno a me collegato, hanno offeso te, SUO NOME, la tua famiglia, parenti, con pensieri, parole ed azioni,
umilmente, ti/vi chiedo perdono per tutti i miei errori, risentimenti, colpe, odio, male, dolore, offese, blocchi, ecc, che ho creato ed accumulato fino ad oggi. Ti prego di perdonarmi”

Immagina che questa persona davanti a te ti risponda:

SI, TUO NOME, io ti perdono!”

“Lascia che un’energia come acqua pulisca, purifichi e liberi, sia i colpevoli che le vittime, dalla schiavitù  spirituale, mentale, materiale, finanziaria, e karmica.

Tira fuori dalle nostre memorie TUTTE LE MEMORIE NEGATIVE, INDESIDERATE E I BLOCCHI che ci legano e stringono insieme…
Separa, stacca, sciogli e rilascia questi ricordi e blocchi indesiderati.

Trasforma queste energie indesiderate e riempi gli spazi lasciati in pura Luce, Amore, Pace, Equilibrio, Comprensione, Gioia, Saggezza e Abbondanza… ORA E PER SEMPRE”

***

Goditi le nuove sensazioni che provi, fai un respiro profondo e apri gli occhi

Un’Alternativa

Questo metodo funziona bene anche se fatto da soli.

Generalmente il corpo reagisce a qualsiasi stimolo di piacere o dolore: va verso il piacere e si muove lontano dal dolore. Nel nostro attuale mondo la reazione può essere un pò più complessa: può essere contrastante, provenire dall’esterno o anche dall’interno da un nostro pensiero. L’obiettivo è quello di cambiare la risposta del corpo ad alcuni pensieri e sensazioni. Iniziamo

  1. Prendi un respiro profondo, chiudi gli occhi e rilassati.
  2. Pensa al problema (una relazione) o qualche aspetto del problema (può anche essere il nome della persona)
  3. Diventa consapevole di qualsiasi tensione o disagio che provi nel corpo identificandolo chiaramente.
  4. Rilassa la tensione con i sistemi che conosci (usa anche modi creativi)
  5. Ora ripensa ancora al problema e verifica se cè ancora tensione (a volte si sposta: rilassa tutti i punti prima di continuare)
  6. A questo punto ripeti il processo pensando a qualche altro aspetto del problema o sull’aspetto di un altro problema.
  7. Quando non hai più tensioni, fai un respiro profondo e apri gli occhi

I risultati con questa tecnica sono soprendenti e spesso non cè nemmeno bisogno di conoscere il problema (senza contenuto sono le mie tecniche preferite).

Fammi sapere qui sotto quale ti piace di più e che risultati hai ottenuto!

Rispondi