Home » Medicina Energetica » Test kinesiologico energetico – fai da te

Test kinesiologico energetico – fai da te

kinesiologia

Presupposti di base del test energetico

Si basa sul presupposto che il corpo possieda una sua saggezza istintiva, che si manifesta anche con la reazione di alcuni muscoli soggetti a un dato sforzo. Pertanto la valutazione della forza di alcuni muscoli permette di diagnosticare le carenze o eccessi di energia, ovvero delle disarmonie in grado di creare disfunzioni o malattie. Questo tipo di test si avvale di un particolare riflesso muscolare, documentato scientificamente (Metzger, 1989 [1]), anche se il suo funzionamento non è ancora stato chiarito.
Accade infatti che, in presenza di un prodotto che l’organismo riconosce come “non valido”, si determini un calo di forza muscolare quando la sostanza responsabile, alimento o altro, viene posta a contatto del corpo. Si pensa che questo fenomeno accada perché le emanazioni energetiche della sostanza che il corpo riconosce come “non buona”, disturba l’energia organica influenzando in questo modo gli impulsi nervosi.
Per chi non conosce le possibilità offerte dalla medicina energetica (e campo kinesiologico), tutto questo sembrerà alquanto inverosimile; ti suggerisco di leggere attentamente e di fare qualche prova, ci sono molte probabilità che con i primi risultati positivi ti possa convincere da solo. :)
Ci sono svariati modi nei quali il test muscolare può essere di aiuto: prima di farlo dovete essere sicuri di avere sufficiente energia vitale, pertanto non dovete utilizzarlo quando siete stanchi o comunque avete poca energia. In questo caso, infatti, non potrete riceverete risposte accurate.
IMPORTANTE: Se ciò che affermate è la verità, i muscoli interessati risulteranno forti e lo sforzo minimo, se non è la verità o se è solo una parziale verità, sarà necessario uno sforzo molto maggiore.

Il test Kinesiologico usando il braccio

1. Ponete su un tavolo vicino a voi una bottiglia da litro con dentro circa metà contenuto.
2. Affermate “Io sono un/una _____ (il vostro sesso, uomo o donna)”, e provate ad alzarla, farete un po’ di fatica. Prendete nota dello sforzo che dovete compiere.
3. Affermate “Io sono un/una _____ (il sesso opposto al vostro)”, e provate ad alzarla, noterete che dovrete fare un sforzo maggiore, oppure non riuscirete neppura ad alzarla. Ovviamente dovete “seguire” ciò che il braccio vuole o non vuole fare, non forzare!!!
4. Cercate di trovare una bottiglia con il peso giusto e, con un po’ di allenamento, avrete acquisito uno strumento molto valido per provare se vi fa bene un dato prodotto (alimento, bevanda, medicinale, ecc.).
5. Esempio di come provare se un prodotto, diciamo le pere, vi fanno bene: Affermate “Le pere mi fanno bene”, Provate ad alzare la bottiglia, se si alza con poco sforzo vi fanno bene, se è necessario lo sforzo che avete applicato quando avete detto di appartenere al sesso opposto non sono adatte per voi.

In alternativa

1. Sdraiatevi e ponetevi comodi.
2. Fate in modo che la mano destra (o la sinistra se siete mancini) si possa alzare liberamente piegando il braccio all’altezza del gomito.
3. Affermate “Io sono un/una _____ (il vostro sesso, uomo o donna)”, e provate ad alzare la mano, si alzerà almeno 15-30 cm senza alcuna fatica.
4. Affermate “Io sono un/una _____ (il sesso opposto al vostro)”, e provate ad alzare la mano, questa volta farete molta fatica o non si alzerà affatto. Usando questa tecnica potrete fare delle affermazioni sui vari prodotti e verificare se vi fanno bene oppure no. Esempio: affermate “Il latte mi fa bene”, se la mano si alza facilmente il latte vi fa bene. Se non si alza o si alza con fatica è preferibile eliminare il latte, almeno per un dato periodo.

Il test Kinesiologico usando la mano (per i PRO)

1. Sdraiatevi e ponetevi comodi con le braccia ai fianchi, le mani con il palmo in giù.
2. Fate in modo che la mano destra (o la sinistra se siete mancini) si possa alzare liberamente piegando il polso.
3. Dite al vostro inconscio: “Ora io ti farò delle domende, se la risposta è “Sì” alzerai il palmo della mano, se è “No”, la lascierai appoggiata sul materassino.
4. Affermate “Io sono un/una _____ (il vostro sesso, uomo o donna)”, la mano si alzerà senza alcuna fatica.
5. Affermate “Io sono un/una _____ (il sesso opposto al vostro)”, la mano non si alzerà affatto.. È ovvio che dovrete fare un po’ di allenamento, ma quando avrete ottenuto una certa dimestichezza avrete a disposizione uno strumento per chiedere alla vostra saggezza istintiva di guidarvi nella scelta di alimenti, bevande, ecc.

Il test kinesiologico con le dita

1. Ponete su un tavolo (non troppo vicini a voi) i prodotti che volete mettere alla prova.
2. Sedetevi comodamente, e ponete l’attenzione sul vostro respiro. Rendetelo calmo.
3. Create un anello con il pollice ed il mignolo della mano sinistra (se siete mancini usate la destra). Fatelo con naturalezza e senza troppo sforzo, quindi analizzate le sensazioni che derivano dalla pressione delle due dita. Cercate di capire quanta forza ci state mettendo per tenere un dito contro l’altro. È importante che tale forza rimanga sempre costante tutte le volte che ripeterete l’esercizio.
4. Congiungete a becco d’anatra l’indice e il pollice dell’altra mano, e inseriteli nell’anello.
5. Provate ad aprire l’anello spingendo con il pollice destro contro quello sinistro e l’indice contro il mignolo. Nel momento in cui riuscite ad aprirlo, analizzate quanta forza avete utilizzato.
6. Prendete ora il primo prodotto da testare e ponetelo sulle vostre ginocchia.
7. Ricreate l’anello con il pollice ed il mignolo della mano sinistra (se siete mancini usate la destra).
8. Ricongiungete a becco d’anatra l’indice e il pollice dell’altra mano, e inseriteli nell’anello.
9. Chiedete: “Dimmi, per favore, mi fa bene questo prodotto?”.
10. Provate ora ad aprire l’anello, scoprirete che la forza che dovete impiegare sarà maggiore, uguale o minore di quella utilizzata al punto
A volte il distacco avverrà con una certa fatica, altre con un’incredibile facilità. Più facile e naturale risulta l’apertura dell’anello, e tanto maggiore sarà l’utilità di quel prodotto per voi in quel particolare momento. Se l’anello si apre con difficoltà significa che il vostro subconscio vi avverte che quel prodotto non vi è favorevole.

In alternativa

1. Ponetevi il prodotto sulle ginocchia.
2. Costruite due cerchi chiusi con i pollici e gli indici delle due mani, ed intrecciateli l’un l’altro (un cerchio dentro l’altro).
3. Chiedete: “Dimmi, per favore, mi fa bene questo prodotto?”.
4. Tirate in modo da aprire i due anelli. Se essi non si separano, o la separazione richiede forza, la risposta è No. Dopo aver fatto un test potete ripeterlo per altri prodotti. Evitate di stancarvi, al primo segno di stanchezza sospendete e riprendete dopo qualche tempo.
Volendo potete usare questo test per tutti i prodotti che dovete scegliere: alimenti, bevande, farmaci e persino per i depliant delle vacanze.
Nota. È importante che troviate la forma corretta per porre la domanda al fine di accedere al bagaglio di saggezza del vostro subconscio. Con l’esercizio saprete quando avrete ricevuto la risposta corretta. Siate attenti, concisi e precisi nelle domande. Cominciate facendo il test per controllare i cibi e le bevande da utilizzare, i film da vedere, ecc.

Il test kinesiologico con l’ondeggiamento

1. In piedi. Appoggiatevi bene sui piedi tenendoli spaziati più o meno quanto sono larghe le vostre spalle. Meglio se fatto a piedi nudi o con scarpe senza tacco.
2. Disponete il prodotto da esaminare in una mano e ponetela sotto l’ombelico. Appoggiate l’altra mano sull’altra.
3. Dichiarate: “Questo prodotto è buono per il mio organismo”.
4. Chiudete gli occhi, concentratevi in voi stessi, fate un profonda inspirazione e lasciatevi andare.
5. Dopo alcuni secondi sentirete il vostro corpo cadere in avanti o all’indietro. Se vi sentite cadere in avanti, significa che il vostro corpo “sta abbracciando” la sostanza ed essa è buona per lui. Se vi sentite cadere all’indietro, il vostro corpo si sta allontanando, ovvero sta respingendo quella sostanza perché la ritiene non salutare. A volte si otteniene una reazione ben determinata, altre, invece, non si è sicuri della risposta ricevuta dal nostro corpo. Se ritenete che non state ottenendo una risposta specifica, prendete le seguenti misure:
Ripetete il test. Accertatevi di fare un profondo respiro e di vuotare la testa da ogni pensiero. Bevete un bicchiere di acqua, il vostro organismo potrebbe essere disidratato. Se possibile, togliete il prodotto dalla confezione in modo che sia a contatto con la vostra pelle. Programmate il vostro corpo, ditegli che deve andare in avanti se il prodotto gli fa bene (o per dire “sì”) ed all’indietro se gli fa male (o per dire “no”).
Buon test a tutti

Offline AvalonVic

Fino ad ora, che io sappia, l’uso dei test di kinesiologia è anche l’unico modo per accorgersi della presenza di energo-tossine… le stesse in grado di contrastare l’effetto di EFT!

Offline Venom

I segnali che si usano per comunicare con l’inconscio durante una seduta ipnotica sfruttano lo stesso meccanismo?

Offline AvalonVic

Non ho ben inteso cosa tu intenda con “segnali che si usano per comunicare con l’inconscio”. Se ti riferisci alle “risposte” dell’inconscio all’alterazione dello stato di coscienza dovuto alle induzioni (perdita del tono muscolare, sensazioni di calore…) probabilmente si, dato che il principio è praticamente lo stesso  :)
In realtà, una risposta di tipo kinesiologico è qualcosa che usa “messaggi” convenzionali codificati nell’inconscio per rispondere.
Non sono del tutto sicuro di ciò, ma l’ago protende in maniera interessante in direzione della tua domanda!  8)

Offline VertigoOne

Penso che si riferisca al dialogo con l’inconoscio e alle risposte “si” e “no” che l’inconscio sceglie di darci…

 Offline AvalonVic

Si, il mio era semplicemente un azzardo. Penso in realtà che l’inconscio funzioni in maniera un tantinello più complessa! Sta di fatto che lo schema è molto simile!

Offline VertigoOne

Io mi ero fatto spiegare l’esercizio per il dialogo con l’inconscio da un Ipnotista, in effetti le risposte arrivano… poi bisogna vedere quanto sono “attinenti”.
Ma domanda…
cosa sono le energo tossine? °_°

Offline AvalonVic

Quote from: maya.Veil on August 03, 2007, 08:10:45 PM

Io mi ero fatto spiegare l’esercizio per il dialogo con l’inconscio da un Ipnotista, in effetti le risposte arrivano… poi bisogna vedere quanto sono “attinenti”.
Ma domanda…
cosa sono le energo tossine? °_°

Le tossine energetiche! In sostanza, le uniche cose che se presenti, mandano a monte completamente il processo di EFT e medicina energetica! Sono anche chiamate Tossine Sottili e di solito hanno una diretta corrispondenza con le Tossine normali provenienti da allergeni o che so io… ad esempio è molto probabile che per una persona (e non per tutte) il caffè, la theina, la nicotina, l’alcool…siano oltre che dannose per l’organismo come tutti sappiamo anche delle energo-tossine! Come può accadere che chi si sfascia di fumo e di alcool e di caffè, possa tranquillamente sperare di non avere energo-tossine!
E’ parecchio soggettiva la questione (un pò come al fatto che uno è allergico alla polvere e l’amico no) e l’unico modo per capire se ci sono energo-tossine nel corpo (o se quel determinato prodotto ne contiene di nocive per noi) è fare il test kinesiologico!
Non so se ora sono stato chiaro ;)!
E’ questo il fatto, data la loro impalpabile natura, ASSOLUTAMENTE tutto può averne per gli individui!
PARE (ma non posso esserne completamente sicuro) che soltanto l’acqua ne sia completamente priva, ma TUTTO il resto (compresi i beneamati e benefici farmaci) ne potrebbero avere!


Offline VertigoOne

Molto interessante, quindi sarebbe indicato fare un test su quello che siamo soliti mangiare ad esempio…
Io ho provato ma non percepisco o quasi differenze di forza… ho provato a consigliarlo a mia sorella e lei non percepisce proprio nulla. Sarebbe indicato essere a livello alfa per fare questi esercizi?
Su mia sorella non funziona però  ???
(in quello da stesi mi ha chiesto)
“ma la mano si deve muovere da sola…?”
In quel caso non si muove mai…
“O devo muoverla io a seconda di come mi sento?”
In quel caso non saprebbe come muoverla. Cioè fa un ragionamento “logico”.

Offline AvalonVic

Dunque, l’esempio va benissimo… i test kinesiologici vanno bene per tutte quelle cose sulle quali il tuo inconscio ne sa più di te! Puoi provarlo anche sulle persone. Ad una distanza in cui la tua campana aurea si fonde con la sua (ciò accade pressappoco quando le due zone intime della prossemica vengono a coincidere) puoi chiedere “potrebbe essere dannosa emotivamente questa persona per me?”
Questo è l’esempio più assurdo che mi è venuto in mente, che ho provato io stesso e ha funzionato! (una mia amica stava chiamando la neuro, ma ne abbiamo cavato un’ottima occasione per farci quattro risate su ;))
Riguardo al fatto dell’alpha stato… personalmente vedo questo stato più utile in scrittura che in lettura. Mi spiego meglio…con il Silva M. scendi a livello per programmare delle risposte, non leggere quelle già scritte… tuttavia non so, prova a vedere cosa succede…di sicuro è uno stato sicuramente più favorevole in altri campi, magari lo è pure per questo ;)
Un buon test kinesiologico lo ottieni quando accompagni la risposta del corpo. Tu fai una domanda precisa e delle scariche elettriche ti fanno tendere i muscoli in un determinato modo! E’ un processo bioelettrico naturalissimo che anche alcuni biologi (quelli esperti di impedenziometria della massa magra e grassa del corpo, il famoso test usato per vedere quanta massa magra e quanta massa grassa ne hai) conoscono alla perfezione, seppur probabilmente in maniera vaga!
Il “non sapere come muoverla” fa già parte di una razionalizzazione come il “non credo abbia funzionato”. Processi di questo tipo avviano una corrente muscolare talmente bassa che occorrerebbero qualcosa tipo 1000 di queste correnti per fare una pila mini-stilo! (riesci a renderti conto ora dell’effetto disastroso che la corrente di casa ha sul cuore? ;))

 

Offline Davide bRiOz

Quote from: AvalonVic on August 03, 2007, 08:48:13 PM
Quote from: maya.Veil on August 03, 2007, 08:10:45 PM

Io mi ero fatto spiegare l’esercizio per il dialogo con l’inconscio da un Ipnotista, in effetti le risposte arrivano… poi bisogna vedere quanto sono “attinenti”.
Ma domanda…
cosa sono le energo tossine? °_°

Le tossine energetiche! In sostanza, le uniche cose che se presenti, mandano a monte completamente il processo di EFT e medicina energetica!

Mi puoi dare la fonte di questa informazione?


 

Offline Davide bRiOz

Quote from: maya.Veil on August 03, 2007, 09:30:41 PM

Molto interessante, quindi sarebbe indicato fare un test su quello che siamo soliti mangiare ad esempio…
Io ho provato ma non percepisco o quasi differenze di forza… ho provato a consigliarlo a mia sorella e lei non percepisce proprio nulla. Sarebbe indicato essere a livello alfa per fare questi esercizi?
Su mia sorella non funziona però  ???
(in quello da stesi mi ha chiesto)
“ma la mano si deve muovere da sola…?”
In quel caso non si muove mai…
“O devo muoverla io a seconda di come mi sento?”
In quel caso non saprebbe come muoverla. Cioè fa un ragionamento “logico”.

Il test energetico fatto con un’altra persona ha bisogno di una calibrazione della forza, di non avere delle aspettative, non guardare negli occhi la persona, ….. prendi il testo di donna eden se vuoi iniziare a fare questi tipi di esercizio… o fattelo fare da una persona che lo sa fare  ;) Per il cibo è molto utile il test che fai dondolandoti in avanti e indietro (chi ha SLTEM può magari spiegartelo)


 

Offline AvalonVic

Quote from: Davide bRiOz on August 04, 2007, 09:28:04 AM

Vic ha scritto: “Le tossine energetiche sono l’unica causa che può mandare completamente in panne EFT.
Mi puoi dare la fonte di questa informazione?

Certo! Emotional Freedom Techniques – Gary Craig
;) ;D ;)


Offline AvalonVic

Una domanda… se una persona ha un problema che non sa se è passeggero…può usare il test kinesiologico per capirlo?
Ad esempio:
“Questo sfogo sul viso è passeggero?”
“Questo sfogo sul viso passerà entro una settimana da solo?”
Cioè..si può usare per qualcosa di questo tipo?

 

Offline Davide bRiOz

Quote from: AvalonVic on December 14, 2007, 07:15:43 PM

Una domanda… se una persona ha un problema che non sa se è passeggero…può usare il test kinesiologico per capirlo?
Ad esempio:
“Questo sfogo sul viso è passeggero?” “Questo sfogo sul viso passerà entro una settimana da solo?” Cioè..si può usare per qualcosa di questo tipo?

Rare volte si, ma assicurati che il test K non sia scambiato per una sfera di cristallo.


mandala

Ho letto molte delle vostre considerazioni in merito al test kinesiologico e vorrei aggiungerne un paio mie: Il test kinesiologico è uno strumento potentissimo per dialogare con l’inconsio o con la nostra anima come qualcuno preferisce dire. Ci sono delle regole che spiegano i meccanismi di debolezza e forza e ci sono dei test da fare per verificare che il sistema sia testabile. Ad esempio per verificare che il sistema sia ok come prima domanda si può chiedere: Io sono …. (e dici il tuo nome) e il sistema deve risultare forte la controprova– il sono paperino il sistema deve risultare debole.. ecc.. poi puoi procedere al test su alimenti o altro.. Se ad es. il test di prova non andasse bene allora fai una bella bevutina di acqua per riequilibrare.. Ci tengo a dire una cosa importante.. il test può essere influenzato dalla persona che lo esegue: per cui la RIUSCITA dipenda dalla NEUTRALITA’ di chi sta facendo il TEST (il tuo inconscio puo condizionare la risposta) e secondo il test va usato per domandare cose importanti perchè decidere se mettere un abito rosso o verde con il test non farebbe altro che sminuire col tempo il potere personale di ognuno di noi quindi… usiamo questo strumento per cose davvero importanti. ;)

 

Offline Davide bRiOz

A volte ahimè un bicchiere d’acqua non basta…. (homoloateral, ecc.)
Tutti i trucchi (i primissimi) per compiere un buon test energetico li trovate sul libro di Donna Eden

 

Offline AvalonVic

Quote from: mandala on December 05, 2008, 11:56:52 PM

Ho letto molte delle vostre considerazioni in merito al tes kinesiologico e vorrei aggiungerne un paio mie: Il test kinesiologico è uno strumento potentissimo per dialogare con l’inconsio o con la nostra anima come qualcuno preferisce dire. Ci sono delle regole che spiegano i meccanismi di debolezza e forza e ci sono dei test da fare per verificare che il sistema sia testabile. Ad esempio per verificare che il sistema sia ok come prima domanda si può chiedere: Io sono …. (e dici il tuo nome) e il sistema deve risultare forte la controprova– il sono paperino il sistema deve risultare debole.. ecc.. poi puoi procedere al test su alimenti o altro.. Se ad es. il test di prova non andasse bene allora fai una bella bevutina di acqua per riequilibrare.. Ci tengo a dire una cosa importante.. il test può essere influenzato dalla persona che lo esegue: per cui la RIUSCITA dipenda dalla NEUTRALITA’ di chi sta facendo il TEST (il tuo inconscio puo condizionare la risposta) e secondo il test va usato per domandare cose importanti perchè decidere se mettere un abito rosso o verde con il test non farebbe altro che sminuire col tempo il potere personale di ognuno di noi quindi… usiamo questo strumento per cose davvero importanti. ;)

bhè, che l’inconscio possa modificare la risposta non ci vedo nulla di così grave, visto e considerato che comunque è il più delle volte lui che risponde…mi spiego meglio… metti caso stai testando una crema per vedere se potrebbe essere adatta o no…consciamente è chiaro che potresti scegliere di prenderla o no…insconciamente invece riesci a percepire se per te è adatta oppure potrebbe essere, che so, una tossina energetica! Poi per quanto riguarda la questione dell’idratazione, non è così facile…occorre che l’acqua arrivi in circolo per poter riequilibrare il sistema, e questo sicuramente non avviene nel giro di due secondi, appena bevuto un pò… magari attaccarsi ad una flebo di fisiologica potrebbe essere più veloce :P. Vertigo potrà essere più specifico in quanto io non sono espertissimo di digestione, sta di fatto che mi sembra di ricordare che l’acqua ci mette almeno 10 minuti per andare in circolo, il che rende un test kines prima di questo intervallo inaffidabile!

Rispondi